E' un Sabotino da favola. Il tecnico Moretti" La forza è il gruppo, il segreto è lo spogliatoio"

26.11.2019 12:50 di Paolo Annunziata   Vedi letture

Dopo la sconfitta all'esordio il Sabotino ha inanellato una serie di sette risultati utili ( quattro vittorie e tre pareggi) per una classifica che vede i ragazzi cari al presidente Mario Micheletti a 15 punti dietro le corazzate Hermada, Nuovo Latina e Montenero. Un gruppo costruito con grande intelligenza dal direttore Angelo Timotini, dove nessuno alla vigilia pensava in questa striscia di risultati. Tutti meno uno, il tecnico Stefano Moretti. " Credo di averlo - afferma il tecnico Stefano Moretti - detto sul vostro sito, proprio dopo quella ingiusta sconfitta con il Montenero, che il Sabotino sarebbe uscito alla grande. Avevo visto negli occhi dei ragazzi una tale rabbia che avrebbe portato a questi risultati. Anche domenica una gran bella vittoria contro un'ottima squadra come il Sonnino. Squadre che ha fatto sempre gol, e domenica sono andati a vuoto. Questo per il Sabotino è un altro bel segnale. Faccio i complimenti alla dirigenza che con pochi spiccioli hanno messo insieme un gruppo di ragazzi dove ho creduto fin dal primo giorno. Quatto vittorie e tre pareggi consecutivi. Questa è la vittoria del gruppo, uno spogliatoio compatto, che in prima Categoria è la cosa più importante. Sono contento che adesso anche gli addetti ai lavori cominciano a parlare del Sabotino, dove in estate giustamente siamo stati snobbati. Ma guai a guardare in modo frequente la classifica, questo deve essere l'ultimo dei pensieri. Noi dobbiamo pensare a una partita alla volta. Domenica ci aspetta la gara in casa dell'Agora, guai a scendere in campo pensando alla loro classifica. Stiamo vedendo che partite facili non esistono, già da giocatore e allenatore non ricordo una partita facile. Vengono dal bel pari ottenuto a Borgo Montenero, quindi dobbiamo rimanere concentrati già dalla ripresa degli allenamenti. Quando hai un gruppo che ti segue, un allenatore è già a metà dell'opera".Il Sabotino ha una predisposizione, sa cosa fare ancor prima che ricevere il pallone. Non lo tiene, se nè libera verticalizzando molto bene, e si allarga sulle fasce. E qui c è tanto del tecnico Stefano Moretti.