Angelo Alberton " Giovannelli e Coletta sono due eroi. Per Roberto non è la prima volta".

11.03.2019 17:15 di Paolo Annunziata articolo letto 300 volte

Non poteva che fare subito tantissimi contatti la notizia che ha visto Roberto Giovannelli e Emiliano Coletta salvare la vita a un calciatore del Norma. Arrivano attestati di stima da parte del calcio dilettantistico. A cominciare dal dirigente Angelo Alberton. " I miei più sentiti - dice Angelo Alberton - complimenti. Sono dei veri professionisti nello sport, ma soprattutto nella vita. Non stiamo piangendo un ragazzo morto, grazie al loro intervento. Per me sono degli eroi, altro che chiacchiere. Per Roberto Giovannelli non è la prima volta. E' un bravo allenatore e soprattutto sul lavoro è sempre disponibile, non dice mai di no a nessuno. Svolge una missione importante, se ha fatto carriera all'interno dell'ospedale " Santa Maria Goretti " ci sarà un motivo. La sua disponibilità è la sua dote principale. Si parla tanto di primo intervento solo quando c'è una disgrazia, dopo un pò di tempo ci scordiamo di tutto. La Federazione deve mettere regole più severe. Se la domenica non c'è un dirigente che ha fatto il corso per il primo intervento la partita non si gioca e conseguente sconfitta a tavolino della squadra che gioca in casa. Non possiamo perdere la vita dei nostri ragazzi per una partita di calcio". Siamo d'accordo con Angelo Alberton, possiamo fare tutte le riunioni che vogliamo se poi la teoria non si porta alla pratica sul campo.