Cori: Alessandro Ferrari " Avere un compagno di squadra come Toledo per noi ragazzi di Cori è importante".

21.10.2019 18:30 di Paolo Annunziata   Vedi letture

Sabato pomeriggio nella gara giocata a Nettuno in casa del Don Dino Puglisi, per il Cori Monilepini si è visto in campo un ragazzo di Cori che insieme a Toledo è stato uno dei migliori in campo. Stiamo parlando dell'esterno destro Alessandro Ferrari corese doc classe 1996 .Il 2 -0  è stato da enciclopedia del calcio. Ferrari si fa tutta la fascia destra seminando avversari e dalla bandierina di destro mette un pallone chirurgico per Toledo che di tacco mette dentro. Un gol per gli amanti del calcio, che ha preso l'applauso di tutti i presenti. " E' vero - dice Alessandro Ferrari - è stato tutto molto bello. Per noi giovani giocare in una squadra con al fianco Toledo è una cosa molto bella. Negli allenamenti a noi giovani ci da sempre dei consigli utili, prima di tutto è veramente una grande persona e poi un grande calciatore. Diciamo che la sconfitta di due domeniche fa in casa ci ha imparato molto cose. Anche se abbiamo pagato il conto per due errori, di una partita che la potevamo portare sul cinque a zero. Abbiamo avuto una bella lezione. Sabato a Nettuno abbiamo dimostrato il nostro valore chiudendo già nel primo tempo la partita con un secco cinque a zero. Ripeto avendo un Toledo in squadra non possiamo che migliorare tutti. Il direttore sportivo Filippo Di Marco è un grande professionista, figure del genere mancavano da anni a Cori. Siamo una rosa ben assortita con tanti ragazzi di Cori come Gatta e Ciotti per citarne alcuni. Ognuno di noi avrà il suo spazio, questo è quello che ci ha detto il tecnico Mandrone. Sta a noi farci trovare sempre pronti. Domenica ritorneremo a giocare in casa contro il Real Marino. Non possiamo più sbagliare. La cosa più importante del progetto è il ritorno allo stadio dei nostri tifosi, non lì dobbiamo più deludere. Negli anni passati erano il vero dodicesimo uomo in campo.Questo dovrà avvenire anche quest'anno. Domenica l' aspettiamo ancora più numerosi".