Luigi Vattucci " Avevo deciso di smettere, mi ha convinto a riscendere in campo l' amico fraterno Adriano Papa".

08.10.2021 19:25 di Paolo Annunziata   vedi letture

Un ritorno in campo nel segno di una vera amicizia. E così la Don Bosco Gaeta si è trovato nella sua rosa l' attaccante Luigi Vattucci, questo grazie all' amico fraterno Adriano Papa, che lo ha convinto a ritornare in campo con la maglia granata della Don Bosco Gaeta. 

Avevo deciso di non giocare - dice Luigi Vattucci - più, da quando è arrivata la pandemia. Che ci ha tenuto per due anni fermi. Poi è entrato in scena uno dei pochi amici fraterni, Adriano Papa. Mi ha parlato della Don Bosco Gaeta, società seria e organizzata. Ed è stato così, sono bastati un paio di allenamenti e ho visto con i miei occhi che tutto quello che mi aveva raccontato Adriano era vera realtà. La passione ha fatto il resto, ho trovato una società strutturata, un gruppo affiatato e valido, dove già conoscevo diversi elementi. Si viene al campo con il sorriso, non ci sono pressioni di nessun genere, ci divertiamo ma con professionalità. L'obiettivo prefissato dalla società è quello di stare nelle prime cinque posizioni, e noi daremo il massimo per esserci. Girone bellissimo, tutto territoriale, con le due ciociare che gli addetti ai lavori danno come favorite alla vittoria finale. Il sud pontino? Vedo favorite il Castellforte, il Fondi e le solite sorprese che si aggiungono in ogni campionato. Il mio obiettivo? Voglio divertirmi, mi auguro di dare il mio contributo importante attraverso i miei gol".

In chiusura.

" Voglio ringraziare la Manzi Giovanni Itri, al presidente Salvatore Manzi, al direttore Generale Cardillo, al direttore sportivo De Santis, e al tecnico Luca Ceraldi. Mi sono trovato bene anche se il rapporto calcistico è durato poco. Sono una grande società e soèprattutto delle grandi persone. Gli auguro le migliori soddisfazioni".