Bruno Federico" E' arrivato il momento di fermarsi. L'Eccellenza? Le società sono attrezzate per ripartire".

21.01.2021 12:30 di Paolo Annunziata   Vedi letture

Come sempre Bruno Federico quello che pensa non lo manda a dire da altri. Questo il suo pensiero a oggi su quello che sta vivendo il calcio dilettantistico  e giovanile. 

La situazione al momento - dice Bruno Federico - non da segnali di miglioramento. Credo che sia arrivato il momento di fermarsi, è inutile aspettare. Chi se la prende la responsabilità di ripartire? Nessuno, allora è meglio lasciar perdere, i problemi sono altri. Chi prende il Covid dovrà stare fermo almeno due mesi, ma non scherziamo. Nelle categorie inferiori lavorano tutti i e giovani vanno a scuola, non si fanno allenamenti pomeridiani, bisogna solo aspettare la fine delle vaccinazioni".

La proposta del presidente Zarelli per fare ripartire l'Eccellenza?

" Qui il discorso cambia. Le società si faranno trovare pronte per ripartire. E' una categoria legata al campionato nazionale. Qui possono espletare il protocollo della serie D a cominciare dai tamponi settimanali e alle fare infrasettimanali. Cosa che non possono fare dalla Promozione a scendere. Il vero problema sarà per le giovanili che non giocano da quasi due stagioni. Queste fasce di età pagheranno purtroppo un conto salato. Anche qui si pone il problema dei 2000 in prima squadra. Nella categoria Allievi il prossimo anno facciamo giocare il 2004 che a 18 anni? Mi pare assurda una situazione del genere. Mi dispiace tanto per questi ragazzi che hanno perso due anni della loro vita calcistica. Credo che la proposta del presidente Zarelli si andrà a concretizzare".