Il tecnico Daniele Di Donato " la colpa di quel primo tempo è solo la mia .Alla fine il pari non mi accontenta, dobbiamo lavorare e tanto".

19.09.2022 09:45 di Paolo Annunziata   vedi letture

Un primo tempo tutto da dimenticare per il Latina contro un Giugliano, matricola solo sulla carta. Nella ripresa dove hanno contribuito sicuramente i cambi fatti dal tecnico Di Donato, si è visto un Latina completamente diverso,, dove alla fine poteva ribaltare il risultato invece è finita in parità, due a due. 

"Sicuramente la colpa di quel primo tempo - dice il tecnico Di Donato - è solo la mia. Non sono stato bravo a rigenerare nella testa Catanzaro. I ragazzi sono entrati in campo con la paura è stata forse la peggior partita della mia intera stagione. Mè nè assumo le responsabiltà perchè non sono stato bravo a entrare nella testa dei ragazzi, che sono entrati in campo timorosi senza l' energie necessarie per affrontare il Giugliano. . negli spogliatoi al termine del primo tempo ci siamo guardati negli occhi, ho inserito gente fresca, che non aveva giocato a Catanzaro, guarda caso la partita è cambiata. Alla fine non siamo stati fortunati, e alla fine abbiamo quattro nitide occasioni da rete, con un pizzico di fortuna in più meritavamo la partita. Portiamo a casa un pareggio, che non mi soddisfa. Da martedì testa bassa e lavorare. Ci mancano due giocatori importanti come Di Livio e Tessiore. Adesso ho le idee più chiare, sull' intera rosa. Siamo stati statici, non abbiamo corso. Un primo tempo tutto da dimenticare. Stiamo facendo fatica sulle fasce, che nel nostro gioco sono fondamentali. Il primo tempo non abbiamo corso, e siamo stati messi sotto. Nella ripresa abbiamo cominciato a creare e abbiamo pareggiato. Dobbiamo lavorare tanto, nella speranza di averli tutti a disposizione. Ci vuole del tempo e ci dobbiamo sbrigare".