Agora FC - Podgora vista dal tecnico Maurizio Pinti

13.05.2019 13:20 di Paolo Annunziata   Vedi letture

" E stata la classica partita - dice Maurizio Pinti - di fine stagione, quella vista al " Giannandrea " tra l'Agore e il Podgora. Due squadre che oramai non hanno più nulla da chiedere alla classifica. Raggiunta la salvezza da parte dell'Agora e la non possibilità da parte del Podgora per non raggiungere la posizione utile per andare in Coppa Lazio. Una gara che ha dato la possibilità ai due tecnici di mettere in vetrina i loro giovani. Partita che è iniziata a ritmi blandi con il Podgora leggermente più voglioso dell'Agora. I ragazzi di mister Tosti si portavano in vantaggio con uno dei giovani più forti dell'intero raggruppamento, Marrocco. Fiebile la reazione da parte dei giocatori di casa, che perdono per infortunio il Bomber Sorrentino. Il primo tempo scivolava via senza grosse emozioni. La ripresa è iniziata sotto la falsa riga del primo tempo, e ancora una volta Marrocco realizzava il gol del due a zero, A quel punto dopo la girandola di sostituzioni effettuate dai due tecnici, il Podgora ha avuto l'occasione per portarsi sul tre a zero. In quel momento il Podgora arretrava pericolosamente il proprio baricentro, dando la possibilità all'Agora di spingersi ulteriormente in avanti Trascinata da un superlativo Pernasilici  che riapre la partita. Il Podgora accusa il colpo e nonostante i vari solleciti di mister Tosti non aveva più la forza di attaccare, e su uno degli ultimi tentativi , un mai domo Agora andava al pari ancora con Pernasilici. migliore in campo per l'Agora. Per quello che ho visto, primo tempo e una parte della ripresa, meglio il Podgora. Avrebbe meritato la vittoria, ma contro va lodata la reazione e la tenacia dell'Agora che non ha mai mollato, raggiungendo un insperato pareggio.