Hermada: Il tecnico Pelucchini " L'obiettivo è stare ai vertici, ma sappiamo bene che vince una sola squadra".

15.01.2020 10:09 di Paolo Annunziata   Vedi letture

Esordio vincente e che esordio. Il neo tecnico dell'Hermada Paolo Pelucchini alla prima sulla panchina dell'Hermada ha messo subito tre punti pesanti nello scontro diretto a Montenero. " Come sempre nel calcio sono gli episodi - dice Paolo Pelucchini - a cambiare la partita. Ho visto un Montenero squadra quadrata  e determinata. Tanta gente che neanche in categorie superiori ho visto. Ho trovato una società molto organizzata, ed era una delle mie prerogative per un'eventuale scelta. Ho trovato un gruppo molto coeso, struttura eccellente e sala medica con fisioterapia h 24. Sono dieci giorni e questa sera c'è la seconda cena. Sono ritornato a fare anche le cene, questo è molto bello. E' chiaro che l'obiettivo è quello di stare ai vertici, ma nel calcio vince una sola squadra che gioisce, mentre gli altri spiegano. La vittoria di domenica è stata determinante, la cosa più bella per un allenatore che entra in corsa e vince contro un grande avversario. Ragazzi che si sono messi subito a disposizione quando ho chiesto il quarto allenamento, almeno per questo periodo, questo è un altro aspetto importante, soprattutto in Prima Categoria, la cultura del lavoro ti da qualcosa in più. Avevo già visto altre partite di Prima categoria e devo dire che il livello è buono. Per me è la prima volta, ogni domenica ci aspetta una battaglia calcistica a cominciare dalla prossima gara contro il Sabotino. Adesso arriva il difficile, perchè ogni avversario contro la prima della classe giustamente mette quelle motivazioni in più. Davanti sono ben attrezzati con giocatori che conosco molto bene, perchè hanno fatto sempre categorie superiori". Con una vittoria Hermada campione d'inverno. " La cabala dice che al 90% chi arriva primo al traguardo vince il campionato. Attacchiamoci alla cabala, ma sarà veramente dura, perchè la concorrenza è molto elevata, e non sarà una lotta a tre". Paolo Pelucchini si è subito calato nella mentalità di questa categoria. Ha già capito tutto.