Ivan Sampaolo " Mi sto allenando, l'infortunio è superato. Sono a 290 gol, l'obiettivo è arrivare a 300"

15.05.2020 10:22 di Paolo Annunziata   Vedi letture

Come sempre da vero professionista si sta allenando, ha superato molto bene l'infortunio che gli è capitato durante una gara di campionato. Anche lui è uno di quei attaccanti che va sempre in doppia cifra. Stiamo parlando di Ivan Sampaolo. 

" Senza calcio stiamo male. Da bambini pratichiamo questo sport. Il campo, lo spogliatoio, e soprattutto la preparazione della partita sono importanti. Mi manca questo, per noi di calcio sono cose importanti. Il calcio poi è una palestra di vita. Mi manca l'abbraccio con i compagni, le chiacchierate con mister Catanzani, e di tutti i dirigenti. A Sezze ho trovato motivazioni importanti, stavo pensando di smettere, ma questa chiamata mi ha ridato forza. Mi sto allenando con grande impegno, l'infortunio fa parte del passato, è alle spalle. Un'altro campionato lo voglio fare, sto a 290 gol fatti in carriera, l'obiettivo è quello di arrivare a 300. Poi vedremo, da Sezze è chiaro che non mi muovo".  

Argomento rimborsi spesa, il tuo pensiero?

" Sono d'accordo con gli amici che mi hanno preceduto, la crisi non deve ricadere solo per la nostra categoria. Siamo dilettanti, ma in questa categorie c'è un forte impegno. Tre - quattro allenamenti a settimana più la partita della domenica dove se ne va tutta la giornata. Stiamo parlando di rimborsi spesa, non di stipendi. E' chiaro che le difficoltà le troveremo, ci sarà un ridimensionamento, su questo non ci piove, un accordo si troverà sempre. Qui a Sezze non ci saranno di questi problemi".

Giovani di lega?

" Se sono bravi giocano. Adesso vengono al campo senza una grande fame di calcio. Quando ero giovane non c'era questa regola, e il nostro impegno era totale. Ero a Priverno e una domenica il mister mi schierò titolare, con Ferreri che andò in panchina. Fu una bella soddisfazione. Adesso sono presuntuosi, perchè sanno che devono giocare per forza. Noi ascoltavamo i grandi prendevamo anche i "cazziatoni" e stavi zitto. Adesso non è più così. Adesso tutto gli è dovuto. Adesso aspettiamo le decisoni che ci saranno il 22 maggio, penso che il campionato sia concluso, vediamo se ci saranno queste riforme, perchè giustamente le società lo devono sapere per cominciare a iniziare la prossima stagione".