Don Bosco Gaeta: Il tecnico Medina " Partiamo con le giuste ambizioni. Vogliamo sempre migliorarci"

09.08.2020 12:18 di Paolo Annunziata   Vedi letture

E' una Don Bosco Gaeta sempre al lavoro per non lasciare nulla al caso. Una società che ha integrato dirigenti dove la passione è al primo posto. Il tecnico Giuseppe Medina segue passo dopo passo il lavoro del neo direttore sportivo Gabriele Lentini. 

Un vero vulcano - afferma il tecnico Giuseppe Medina al suo terzo anno sulla panchina della Don Bosco Gaeta - dietro la scrivania è bravo come lo è stato da giocatore. Dopo l'iscrizione all'albo si è calato nel ruolo di direttore sportivo, e lo sta facendo bene. Sta facendo un grande lavoro perchè anche quest'anno in casa della Don Bosco Gaeta i rimborsi non esistono. Ha chiuso dei colpi importanti come quelli di Azoitei Serlan, Nicola Sandullo e Daniele Pasquale. Sono veramente contento per l'arrivo di questi tre giocatori, pronti ad alzare il tasso tecnico della squadra, La rosa oramai è definita, ma Gabriele Lentini sarà sempre vigile, se ci sarà l'opportunità di prendere qualcosa utile alla causa, non ci tireremo indietro. L'obiettivo? E' quello di migliorare la posizione ottenuta nella scorso campionato prima della stop. Nel mio dna non esiste la parola " accontentarsi" quindi vogliamo arrivare il più lontano possibile, non ci nascondiamo".

Mister, che Prima categoria sarà?

" Ancora più tosta e difficile di quella conclusa. Vi posso dire che il sud pontino si sta attrezzando. La Manzi Giovanni Itri è la super favorita. Hanno sempre fatto campionati da Coppa Lazio, con l'arrivo di questo grande sponsor l'asticella si alza, si vede dagli acquisti che stanno facendo. Occhio alle matricole Castelforte, Grunuovo e Fondi. Sulle ali dell'entusiasmo stanno portando a casa giocatori importanti. La fusione tra Marina e Minturno, farà bene altrimenti non prendi Alessandro Auricchio come allenatore. Sarà una Prima categoria ancora più difficile, anche se in questi giorni gira una voce che ci danno nel girone ciociario per un fatto chilometrico. Ho letto con piacere sul tuo sito è che si ritorna a giocare e con la presenza del pubblico. Questa è la cosa più bella, per noi che amiamo il calcio e lo facciamo con passione".