Alessandro Fioravanti " Il clima è triste, non perdiamoci d'animo, guai a mollare".

22.11.2020 08:05 di Paolo Annunziata   Vedi letture

E' al suo quinto anno da osservatore ufficiale per la prima squadra e la Primavera del Bologna. Un ruolo che sta coprendo molto bene con grande serietà, così come lo è stato giocatore. Stiamo parlando di Alessandro Fioravanti. 

" E' sempre un piacere parlare - dice Alessandro Fioravanti - con te. A livello lavorativo per me non è cambiato molto. Anche se chiaramente manca lo stadio. Lavoro al computer monitorando tutti i campionati del mondo. Ore e ore per vedere di trovare giocatori interessanti. Guardo solo giocatori utili per la prima squadra e la Primavera, questo non esclude che se troviamo ragazzi di settore giovanile utili per il Bologna Calcio è chiaro che non ce li facciamo scappare".

Come vedi la situazione attuale?

" E' un momento triste per tutti. Il calcio dilettantistico sta vivendo un momento veramente nero. Non dobbiamo mollare, per ritornare in campo, penso che ci vorrà il prossimo anno, diciamo fine gennaio, inizio febbraio. Il problema è il vaccino, solo questo è l'unico antidoto, dobbiamo abituarci a vivere con questo virus. fare gli allenamenti distanziati sapendo che la domenica non c'è la partita, non è semplice. Trovare motivazioni in queste situazioni non è semplice. Ma non dobbiamo mollare, speriamo che la situazione si sblocchi quanto prima. Mando un forte in bocca al lupo a tutte le società pontinedico di pensare positivo, di rispettare tutte le norme sanitarie, presto ritorneremo ad abbracciarci. Il calcio continuerà sempre a vivere, soprattutto dalla base".