Ezio Favaretto " Rimaniamo tutti a casa. Adesso la salute è al primo posto"

18.03.2020 17:17 di Paolo Annunziata   Vedi letture

Anche a Borgo Faiti si vive un'atmosfera completamente diversa. Le attività sportive sono tutte al palo. A parlare è il presidente della Virtus Faiti, Ezio Favaretto. 

1 ) Fino a questo momento la stagione ha rispettato le vostre aspettative? 

" Per quanto concerne il settore giovanile siamo non soddisfatti, ma di più. Con gli Allievi ci stiamo giocando il passaggio a regionali contro il Latina. La Juniores d' Elite è il nostro fiore all'occhiello. La nota dolente è la prima squadra. C'è grande rammarico per quella che poteva essere stata la stagione, invece è andato tutto al contrario".

2 ) Come state vivendo questo momento?

2 In questo momento l'unica cosa importante è la salute di tutti noi. Abbiamo chiuso la nostra attività sportiva dal primo giorno. Al momento ci sarebbero i tempi per chiudere la stagione giocando a maggio e a giugno, questo dipende tutto da noi. Dobbiamo rimanere tutti a casa. Non si può vedere il litorale affollato di gente, così è tutto inutile, dobbiamo rimanere a casa e basta". 

3 ) Il Governo ha bloccato i canoni di affitto alle strutture e a tutte le ASD c'è un contributo di 500 euro per i tecnici. Quel'è il suo pensiero?

Una goccia in mezzo all'oceano, parliamo di sospensione non di annullamento. Tutto si pagherà in futuro, con quali soldi visto che non ci saranno entrate per molto mesi?. Adesso abbiamo problemi più seri, il mio primo pensiero così come quello di tutti gli italiani è la salute. Ribadisco che bisogna rimanere tutti a casa. Prima passa e prima ci mettiamo tutti in movimento".

4 ) Il futuro calcistico della sua società?

" Sono sincero, non lo vedo bene, così come penso per le altre società. Tutte stiamo andando e andremo in difficoltà. Noi della Viruts Faiti siamo una vera famiglia e remiamo tutti nella stessa direzione. Sicuramente ci saranno dei tagli sul budget. Aspettiamo i nuvi decreti e poi ci organizzeremo. La Virtus Faiti andrà avanti, questo è sicuro".