Cori: Il direttore Filippo Di Marco " Una sconfitta che ci fa bene, e ci fa riflettere".

14.10.2019 11:49 di Paolo Annunziata   Vedi letture

Non si nasconde dopo la sconfitta. Quando si perde nella maggior parte i telefonini sono spenti. Il direttore sportivo del Cori Filippo Di Marco ci mette la faccia, sempre. " Ci mancherebbe - replica Filippo Di Marco - io non mi nascondo mai. Cammino sempre a testa alta. Abbiamo fatto un primo tempo bellissimo, dove lo potevamo chiudere almeno con tre gol. Gli abbiamo messo una grande pressione, dove loro calciavano lungo il pallone e facevano falli, dove l'arbitro non ha mai cacciato un cartellino. Non siamo stati bravi a chiudere la partita. Nella ripresa è scesa una squadra completamente diversa, c'è stato un calo di concentrazione, fino a quando un errore clamoroso di Nardi ha permesso il loro pareggio. A quel punto è cambiata la partita. Il due a uno al 90' è stato un altro regalo nostro. Antocchi nel momento di dare il pallone a Solimeno è scivolato, il giocatore avversario si è avventato sul pallone e ha fatto gol. Sono sicuro che questa è una sconfitta salutare. I ragazzi si devono rendere conto che i campionati non si vincono con i nomi. Ci vuole sempre tanta umiltà e fame per portare a casa i tre punti. Credo che i ragazzi già da ieri sera si siano fatti un esame di coscienza. Ringrazio di cuore - sottolinea Filippo Di Marco - tutti i tifosi presenti. Erano sette anni che non venivano più al campo. Sono rientrati facendo una coreografia dove sono rimasto senza fiato. Questo è stato un bel segnale, una grande gesto d'affetto. Tocca a noi ripagarli già dalla prossima partita. Posso assicurare che non c'è nessun allarme, abbiamo capito che questo girone non è semplice. Tocca a noi mettere le partite in discesa, senza cercare alibi di nessun tipo".