Fabio D'Onofrio " Borgo Hermada, un'isola felice. Sarebbe stato un bel duello fino alla fine con il Montenero".

14.05.2020 16:49 di Paolo Annunziata   Vedi letture

Classe 1979 nato a Terracina,è il  difensore centrale dell' Hermada. 41 primavere ma con lo spirito e la voglia di lottare di un ventenne, cosa che non trovi nei ragazzi di questa età. Quando  manca, i compagni nè risentono, perchè non hanno quella carica che solo lui sa dare. A parlare è Fabio D' Onofrio. 

" Borgo Hermada è veramente un ambiente ideale per fare calcio. a cominciare dalla dirigenza, una vera famiglia. Adesso con il nuovo impianto è una cosa veramente fantastica. Peccato per la sospensione, giusta ci mancherebbe. Qui sto veramente bene, nella mia carriera ci siamo lasciati e poi ritrovati. Ho fatto l'esordio in Promozione a 18 anni con questa maglia, quando non c'era ancora l' Eccellenza, con Mauro Pernarella allenatore. Credo proprio che finirò la mia carriera calcistica a Borgo Hermada, anche perchè non sono tanti gli anni che mi sono rimasti per continuare a giocare a pallone".

Com, e stai vivendo questo momento?

" Apatia totale. momento brutto, anche perchè ci avrebbe aspettato un bel duello di fine stagione con il Montenero. ci dividevano solo due punti con lo scontro diretto da giocare a Borgo Hermada dopo che all'andata avevamo vinto a Montenero. Oramai penso che la stagione sia finita, non ci sono più i tempi per recuperare,uno stop giusto, che prendiamo con grande rammarico. Credo che il ripescaggio sia una formalità, perchè in casa Hermada c'è una grande società".

Problema rimborsi spesa, il tuo pensiero?

" L'accordo si troverà sicuramente, lo sto dicendo per quello che sarà il problema a Borgo Hermada. Una società che aveva già avviato il discorso con ragazzi del territorio. Su una rosa di 24 giocatori, tre vengono da Latina e Gurgui che viene da Priverno. Troveremo l'accordo, anche perchè non parliamo di enormi cifre, in questi campionati c'è tanta passione, non lo fai per lavoro. Il nostro territorio fra Terracina - Hermada ci sono tanti bravi giocatori, non vedo perchè devono venire da fuori provincia. Credo che l'Hermada non troverà ostacoli sulla sua programmazione. Voglio salutare tutti i miei compagni, anche se ci sentiamo tutti i giorni sul nostro gruppo, ci manca l'abbraccio, il campo e tutte le componenti che ti regala solo il calcio".