Vis Sezze: Fabrizio Di Emma "Bisogna stare fermi e capire

07.11.2020 14:20 di Paolo Annunziata   Vedi letture

Tutto fermo anche in casa della Vis Sezze. Questa iniziata è la seconda settimana di inattività. 

Adesso bisogna stare fermi - dichiara il direttore sportivo Fabrizio Di Emma - e capire. Al momento faremo due settimane di stop,siamo entrati nella seconda settimana, dall'inizio della prossima vedremo come sarà la situazione. Impossibile stabilire i tempi per una ripresa, in questo momento ci sono situazioni più gravi. Bisognerebbe bloccare l'intera stagione, immagino che ci sarebbero tanti problemi, però a livello societario ci sarà il tempo e il modo per capire dalla Federazione come si potrà andare avanti. Di sicuro per la stagione 2021 - 2022 ci sarà una moria ancora più enorme di società. Vedremo quando si potrà ripartire, a questo punto la soluzione più logica sarà quella di giocare solo il girone di andata, per i verdetti ufficiali. Se si partirà a febbraio ci sono i tempi per chiudere alla fine di maggio con play off e play out. Siccome questa proposta prende sempre più piede, è bene che la dicessero subito, così le società non avranno di che lamentarsi, perchè si saprebbe con mesi di anticipo".

Parlando del campionato, non male l'avvio della Vis Sezze.

Stavamo andando più che bene, nonostante delle defezioni. Rispetto allo scorso anno la cosa più brutta è stata quella di giocare senza pubblico. Delle poche squadre che ho visto sicuramente il livello si è alzato, rispetto alla passata stagione, dove c'erano organici di qualità. Ogni squadra aveva giocatori importanti, e questo ha alzato il livello tecnico. Nessuno ha parlato delle Falasche, sarebbe stata la sorpresa del campionato. Avrebbe un punto in più in classifica, senza il reclamo andato a segno da parte del Gaeta. La Vis Sezze? Fa sempre un passettino alla volta per migliorare quello di buono che aveva fatto nella passata stagione. Mi è piaciuto tanto la mentalità di chi scende in campo.Un plauso ai nostri giovani di Lega, tutti bravi e si allenano a testa bassa. Adesso dobbiamo stare fermi e capire".