Il tecnico Ubaldo Coco" Vediamo come si esprime il CONI. Mi dispiace per il presidente Miro Malandruccolo che ieri è stato attaccato sui social romani".

23.02.2021 10:20 di Paolo Annunziata   Vedi letture

E' il giorno della decisione del CONI per sapere se il campionato di Eccellenza avrà una valenza Nazionale. Sentiamo il tecnico del Pontinia, Ubaldo Coco. ( Foto Francesco Mennella)

" Non è una decisione - dice Ubaldo Coco - semplice. Soprattutto in virtù dei numeri. Ieri hanno sospeso ufficialmente il mitico Torneo di Viareggio.E' una decisione molto difficile quella che dovrà prendere il direttivo del CONI . Se l'eccellenza verrà riconosciuto come campionato nazionale, poi la palla andrà alla FIGC che dovrà discutere il  format, non saranno tempi brevi. Si arriva sicuramente a fine marzo, per giocare a metà aprile? I problemi saranno tanti, lì abbiamo già elencati. Voglio spendere due parole per gli attacchi che sono arrivati al nostro presidente Miro Malandruccolo, sugli organi di informazione della capitale. Ma le società romane chi si credono di essere, ha pienamente ragione il vice presidente della Vis Sezze, Renato Gori. Il nostro presidente è stato attaccato perchè ha detto che giocare dieci partite è anti- calcio. Se poi ci mettiamo il discorso del blocco delle retrocessioni che senso ha scendere in campo? Sono tre mesi che tutto l'indotto è fermo, con i sponsor che per questa stagione giustamente si sono tirati indietro, perchè hanno altri problemi molto più seri di quelli del calcio. A livello salutare se si ritorna in campo, ci saranno tanti contagiati con partite che dovranno essere ancora una volta recuperate. Non ci scordiamo l'argomento tamponi, con quali soldi verranno pagati?.Miro Malandruccolo è una persona seria e onesta, mi dispiace che abbiano frainteso le sue parole".