Vis Sezze: Il presidente Marco Gaeta " E' un momento difficile, nessuno può programmare il futuro".

30.12.2020 12:14 di Paolo Annunziata   Vedi letture

E' al sesto anno di presidenza. Marco Gaeta a piccoli passi è riuscito a costruire una società solida con salti di categoria.Riportando tanta gente sugli sugli spalti del " Tasciotti".  Oggi la Vis Sezze è una delle società più importanti e ben considerata nel panorama regionale. 

"Non ci si arriva dalla sera alla - dice Marco Gaeta - mattina. Adesso è un momento difficile dove nessuno può programmare il futuro. Dobbiamo aspettare per saperne di più. La Vis Sezze è ferma dal 24 ottobre con la prima squadra. L'Eccellenza è diventato un campionato importante, è quasi come la serie D. Ogni società ha un suo progetto, dove ci sono piazze importanti. Adesso aspettiamo il 15 gennaio  se si dovrà ripartire dovrà uscire un protocollo ancora più chiaro, di quello in vigore, molto indecifrabile. Tamponi? Sarà un costo aggiuntivo, si parla di 500 euro al mese il costo, spesa insostenibile. Di sponsor se nè trovano sempre di meno. Stadi chiusi, questi sono due grandi problemi. Servirà sicuramente un aiuto da parte del Governo e dal palazzo calcistico.  Servirà un protocollo con tutte le cifre esatte, il tampone dovrà essere sostenuto per tutte le società, se non ci saranno contributi, sarà dura. Sulla squadra posso dire che siamo veramente partiti bene, abbiamo disputate tutte e cinque le partite di calendario. Siamo al comando, ma sappiamo bene che non conta nulla. Sappiamo che non sarà per nulla semplice rimanere in vetta fino alla fine, da parte nostra la volontà ci sta tutta. La seria D non ci spaventa. Abbiamo dei ragazzi eccezionali. La cosa che mi ha fatto piacere vedere la squadra dare battaglia in ogni partita disputata. L' augurio migliore non può dunque che essere quello che tutto torni presto alla normalità e che ciascuno di noi possa vivere serenamente questa fase con la famiglia . Ci tengo a fare questo augurio a tutti i nostri tesserati e tifosi della Vis Sezze . Auguri che estendo ai vertici istituzionali del calcio, a voi di tuttocalciopontino. Che si possa presto ritornare in campo a vivere il nostro calcio, quello che ci ha fatto innamorare da bambini".