L' Hermada scalda i motori. Daniele Sacchetti " I segnali sono positivi. Inutile fare bilanci ora".

08.09.2020 12:14 di Paolo Annunziata   Vedi letture

Dopo venti giorni di duro lavoro scende in campo il Team Manager dell' Hermada Daniele Sacchetti. 

" Siamo in una buona fase - dice Daniele Sacchetti - della preparazione. Una preparazione anomala visto che siamo stati fermi per bene sei mesi, rispetto ai tre degli anni precedenti. Posso dire che già c'è un gran bel gruppo con grande professionalità, serietà, proprio come piace a me. Il Preparatore atletico il professor Giovanni Marzullo sta facendo un grande lavoro insieme al preparatore dei portieri Ivan Martinelli, un vero professionista. Mi sta sorprendendo il tecnico Simone Mazzarella, chiamatelo pure esordienti ma è uno che sa il fatto suo. I nuovi come Mastrianni, Di Roberto ( nella foto)  e Pernarella  si sono già ben ambientati e inseriti alla grande, Ma su questo non avevo nessun dubbio, così come Borelli.".

Dove può arrivare l' Hermada?

Inutile fare dei bilanci, in questo momento, i risultati che contano saranno dalla prima di campionato. E' prematuro dire dove possiamo arrivare. Le amichevoli servono per crescere e sperimentare. C'è sempre qualcosa da migliorare, ma sono fiducioso, ripeto c'è un grande gruppo. Mi preoccuperei se adesso andasse tutto bene, anche perchè sono gli errori che ti consentono di migliorare. sarà un girone tosto e insidioso, la lista delle favorite non si ferma a una sola squadra. Io personalmente vedo favorito il Nettuno. Squadra composta da giocatori importanti in diversi hanno fatto la serie D. Delle pontina si sono attrezzate bene il Montenero e il Cos Latina. Il Sabaudia anche se in ritardo si sta muovendo con giocatori che arrivano tutti dalla ciociaria, hanno scelto di fare il mercato da quelli parti. Uscirà un buon Sabaudia del mio amico e tecnico Angelo D' Amico. Delle ciociare metto in prima fila Anitrella e Ceccano ho notizie che sono due ottime squadre. Noi non possiamo permetterci di sottovalutare nessuno, bisognerà scendere in campo sempre con una mentalità di grande spessore. Ci aspetta un campionato difficile, in virtù delle cinque retrocessioni. Siamo una matricola, in questi casi l' inesperienza può giocare dei brutti scherzi. Comunque in organico non mancano giocatori esperti  che hanno militato in categorie superiori. Loro ci daranno una grande meno, nè sono certo".