Fabrizio Cencia " L'Eccellenza? Un torneo che sto seguendo con attenzione. Ma il mio presente è l' FC Montenero".

05.05.2021 11:03 di Paolo Annunziata   Vedi letture

Dopo un anno di stop, è ritornato in gioco senza lasciare nulla al caso. Lui è il nuovo tecnico del Montenero Fabrizio Cencia ( Foto di Francesco Mennella), anche lui sta seguendo con attenzione questo torneo.

" Fa parte del nostro lavoro - dice Fabrizio Cencia - bisogna essere sempre aggiornati, sulla conoscenza dei giocatori. Diciamo che le tre corazzate Real Monterotondo, Uni Pomezia e Sora stanno mantenendo fede alle aspettative della vigilia. Inserisco anche la Lupa Frascati del tecnico e amico Fabio Lucidi. Ci siamo sentiti proprio l'altro giorno. Ha preso la squadra proprio alla vigilia di questo torneo. Una squadra che non ha subito assolutamente il cambio tecnico. Ha subito lavorato bene sulla testa dei giocatori, sarà un bel duello con l' Uni Pomezia. La vera delusione è il Pomezia. Doveva essere l'ammazza girone e invece è ultima in classifica. Cosa sia successo lo sanno solo loro, questo è il calcio. Lo sappiamo bene che in questo gioco conta la cattiveria calcistica e le motivazioni, in questo senso qualcosa non ha funzionato. Mi dispiace tanto per il Gaeta, il Covid lì ha colpiti proprio nel momento più importante della stagione. Hanno da giocare la gara di recupero con l' Uni Pomezia. Una partita che può dare un senso alla loro stagione. Il Primavera Aprilia sta facendo il suo torneo, quella sconfitta interna con le Falasche, gli ha tagliato le gambe. L'entusiasmo in un torneo di dieci partite è determinante. Il girone C è quello che preoccupa più di tutti. Ci sono già tre gare da recuperare, per l' Anagni i tempi sono lunghi, vedo delle serie difficoltà per portarlo avanti fino alla fine. Il Sora è la squadra da battere. Adesso però - conclude Fabrizio Cencia - il mio presente è tutto per l' FC Montenero. Il direttore Filippo Di Marco si sta già muovendo per preparare la rosa. Qui a Borgo Montenero ho trovato un grande entusiasmo, per un allenatore è importante trovare questo ingrediente. C'è una società solida e competente, i risultati non arrivano mai per caso. L'obiettivo è quello di fare bene, a livello personale spero di farmi apprezzare come tecnico e come uomo".